calcio 11

calcio 5 femminile

biliardo boccette

biliardo stecca

ciclismo

volley femminile

biliardo boccette

 

E’ questo il settore storico della Polisportiva. Pluripremiato a livello provinciale, regionale e nazionale, nel corso degli anni ha sempre rappresentato una delle punte di diamante a livello di risultati della intera Polisportiva.

Grandi campioni hanno militato e militano nelle nostre squadre. Nell’ottobre del 1970 alla giovane età di 14 anni Stefano Cecconi, uno dei pionieri del biliardo boccette di San Quirico, iniziava a giocare all’interno del circolo. Solo pochi possono raccontare quei tempi, perché molti hanno interrotto l’attività oppure altri ci hanno lasciato.

Il ricordo va a Guerrini, vero reclutatore di ragazzi, che oltre al citato Cecconi, avvicinò a questa disciplina il Pompiere, il Gatto, il Topo, Tonino, tutti soprannomi di ragazzi che si avvicinarono con passione a questa disciplina. Da ricordare come campione dotato di tecnica indiscussa nonché di particolare simpatia il mitico Maggino Bolognini, autentico campione di questo sport, in onore del quale vengono tutt’oggi organizzati tornei a lui dedicati.

Tantissimi giocatori sono passati sui nostri biliardi prima con le buche e dopo senza, e sicuramente non solo campioni ma anche assidui frequentatori. Da ricordare, a proposito, le innumerevoli sfide tra Giacomino, Ronzano e Patanocco, veri e propri eventi settimanali della sala boccette. Da ricordare inoltre le micidiale bocciate del Barone o le “biciclette” dell’ortolano, i tiri stravaganti di Palla Veloce oppure i classici tiri di Bottone che colpivano immancabilmente gli angoli al punto di chiamarli “Antonio” come il suo nome, e non ultime le interminabili partite e discussioni del sabato pomeriggio tra Nando, il Cencini, Piero e Giova. Oltre a tante cose divertenti, vi sono stati anche episodi tristi che hanno funestato il settore boccette.

Tra tutte la prematura scomparsa, a soli diciotto anni a causa di un infortunio sul lavoro, di Stefano Cespugli che ha lasciato un vuoto incolmabile. E mai potremo dimenticare il fatidico grido di vittoria “Miao” di Gino Ratti (non a caso soprannominato Gatto) che oltre ad essere stato un ottimo giocatore ha anche ricoperto l’incarico di arbitro a livello nazionale. Anche per lui, come per il citato Maggino Bolognini, vengono organizzati tornei in sua memoria.

Ed in uno di questi, Stefano Cecconi riuscì a trionfare nonostante la presenza di tanti campioni e bravi giocatori. Il grande Stefano afferma che a guidare la sua mano durante il torneo sia stato il mitico “Gatto”, visto che durante le gare il Cecconi provava sensazioni indescrivibili che gli hanno permesso di effettuare tiri di una efficacia straordinaria fino a battere nella finale il pluricampione D’Ambra. Nel primo periodo di vita del settore boccette il gioco agonistico si sviluppava tutto nella FIABS.

Successivamente, assieme al Circolo Il Ponte di Scandicci, fu costituita nella sede della Polisportiva San Quirico la sezione biliardo boccette della UISP. Con l’avvento dei biliardi senza buche, Stefano Cecconi, Marco Giuliani, Gianni Conforti ed Alessandro Pellegrini uscirono dalla UISP, tanto che nell’anno successivo tutti i giocatori del circolo seguirono i colleghi al punto da costringere il circolo a sostituire tutti i biliardi con quelli di nuova generazione.

Il livello di gioco si alzò notevolmente ed iniziarono ad arrivare giocatori di qualità come Andrea Beccatelli, vincitore di numerose gare tra le quali spicca senza dubbio il Campionato Italiano a coppie vinto nel 2000 ad Alessandria assieme a Stefano Giannoni del CSB Aurora. Arrivarono inoltre Paolo Eredi, Rodolfo Sisi, Luigi Giuliani, Massimo Cicali, Piero Conforti, Alessandro Logli, Piras, ed altri ancora, che hanno contribuito, grazie alle loro vittorie in campo provinciale, regionale e nazionale, a tenere alto il valore del nostro circolo. Nel frattempo sono sbocciate anche due giovani promesse come Francesco Innocenti e Massimiliano Berti, detto “Pilos”, che si sono messi in mostra in diversi tornei.

Alla nostra attività si è anche appassionata una donna (caso più unico che raro nella nostra provincia), Piera Bellini, che dopo avere affrontato con discreto successo gli uomini, ha iniziato a cimentarsi in campo nazionale nella categoria femminile conquistando più volte il titolo nazionale e inserendosi attualmente tra le prime otto giocatrici italiane, anche se ora milita in un’altra squadra.

Il CSB San Quirico si è molto impegnato, inoltre, nella organizzazione di numerose gare nazionali in collaborazione con il Comitato di Firenze. Nel 1997 Giovanni Santi, Presidente del Circolo, grazie alla fattiva collaborazione di Paolo Eredi, membro del Comitato FIABS di Firenze, riuscì ad organizzare al Circolo di San Quirico il Campionato a squadre a livello nazionale, che permise di vedere all’opera sui biliardi della Casa del Popolo tutti i migliori giocatori italiani.

A seguito del grande successo della manifestazione, tale evento fu assegnato alla Polisportiva San Quirico per altri cinque anni facendo conoscere in tutta Italia il nostro circolo.

Nel 2004 la federazione italiana ha chiesto al nostro circolo di organizzare la prestigiosa gara “Coppa delle Coppe”, gara singola che ha visto la partecipazione di tutti i più forti giocatori italiani. Per finire, giova ricordare che San Quirico oltre a vantare numerosi bravi giocatori, vanta anche una forte tradizione nel campo arbitrale schierando ben quattro arbitri nazionali del calibro di Cencini, Eredi, Chianucci e D’Alessandro. Responsabile della sezione è Stefano Lecconi.