Il commento

 San Quirico - Rione San Frediano -   1 - 0

(Triboli (r))

 

“VICINI VICINI ...”

di Giorgio Pesatti

 

Grazie ad un rigore calciato in maniera impeccabile dal “freddo” Triboli il San Quirico batte il Rione San Frediano nello scontro diretto della settima di ritorno e si avvicina di nuovo alla vetta mantenendo ancora a distanza il rientrante Magnini.

San Quirico al via con Burgassi tra i pali, Checcucci dietro a Ragionieri ed ai rientranti Settimelli e Thaon di Revel. Assetto tattico variato a centrocampo con Meucci e Pollini mediani dietro a Triboli mentre ai lati svariano Fino e Gabriele Giuntini. In attacco, nella posizione di ariete, si rivede fin dall’inizio Antonio Mega che per l’occasione indossa anche la fascia di capitano.

Subito un brivido per gli ospiti con Giuntini che devìa un traversone di Mega dopo appena trenta secondi sfiorando il palo. Davanti ad un pubblico numeroso, il San Quirico va ancora in avanti al 5’ con Giuntini che effettua un traversone per Fino che viene anticipato dal portiere. Al 15’ si fa vivo il Rione con una punizione calciata da Cerretelli ribattuta dalla barriera. Al 16’ Pollini batte un corner corto per Triboli che rimette al centro un pallone che finisce fuori di poco. Al 20’ Giuntini sfiora l’autogoal su un calcio d’angolo calciato dagli ospiti. La tensione sale nella gara con i giocatori del Rione che prendono di mira Fino, conoscendone le esplosive caratteristiche. Il giocatore risponde colpo su colpo animando un po’ la partita e la tensione nelle due panchine. La gara va avanti su di un sostanziale equilibrio. Al 25’ Maioli inverte le posizioni a centrocampo di Pollini e Triboli spostando più avanti il fantasista ex di turno. Al 26’ è proprio Pollini a calciare un corner per Giuntini che di testa spedisce alto sopra la traversa. Al 29’ Pollini sfiora la segnatura calciando una punizione sul lato coperto dalla barriera ma il portiere ospite prende bene il tempo e salva il risultato. La prima frazione si chiude con un cross sbagliato di Settimelli che sfiora l’incrocio dei pali.

Nella ripresa Maioli sostituisce un nervoso Fino con Cartoni. La gara s’infiamma immediatamente con un goal annullato per fuorigioco agli ospiti. Al 5’ Meucci calcia fuori dal limite dell’area. Al 17’ Giuntini sfiora di nuovo il goal deviando a fil di palo un corner calciato da Ragionieri. Al 24’ Mattia Guerrini sostituisce Pollini toccato duro da Cerretelli mentre Navarria sostituisce un esausto Ragionieri, E’ proprio il nuovo entrato Mattia a sfiorare il goal con un pallonetto calciato alla fine di uno splendido slalom tra i difensori avversari. I padroni di casa tentano il tutto per tutto spostando il proprio baricentro in avanti rischiando alcuni contropiedi al 32’ ed al 35’ sventati agevolmente da Burgassi. Al 36’ Emanuele Guerrini sostituisce uno stanco Mega. Gli ospiti cercano di controllare la gara ed al 40’ il direttore di gara decreta cinque minuti di recupero. Al 42’ accade l’imprevisto con un fallo di mano in area inequivocabile condannato dall’arbitro con un sacrosanto calcio di rigore e l’espulsione del giocatore per proteste. In campo si scaldano gli animi dei giocatori ospiti, piuttosto duri nella seconda frazione di gioco, ma l’arbitro non cambia opinione e dopo diversi minuti di caos si prende la responsabilità di calciare il delicato penalty Gigi Triboli che calcia con assoluta freddezza il pallone battendo l’agitato portiere. Euforia per i locali, seppur contenuta, e, dopo le solite minacce di rito dei giocatori avversari, si riprende la gara che l’arbitro chiude dopo altri due minuti di gioco.

Confusione in campo e negli spogliatoi nel dopo gara dove purtroppo il giovane Mattia viene letteralmente circondato da un paio di giocatori e dirigenti avversari (senza parole…) senza che la terna arbitrale intervenisse.

Mettendo da parte gli spiacevoli episodi accaduti e tornando alla cronaca, il San Quirico conquista l’importante posta in palio portandosi a solo due punti dalla capolista Rione che dovrà affrontare la  terza in classifica Magnini nel turno post pasquale. Ora più che mai, le otto gare che rimangono dovranno essere affrontate dai  locali come otto finali, se non si vuole vanificare la splendida impresa di questa sera.

In evidenza, oltre all’eroe della serata Triboli, l’intero pacchetto difensivo con lode particolare al mitico Paolo Thaon di Revel, che, oltre ad aver disputato una ottima gara, ha anche dimostrato un bellissimo attaccamento alla maglia, affrettando al massimo i tempi di recupero dell’infortunio. Da sottolineare l’ennesima prova di quantità del solito instancabile Meucci, autentico motorino di centrocampo.

Buona Pasqua a tutti.

Cognome Nome Voto
BRASCHI MARCO  
BURGASSI LEONARDO 7
CALUBANI GABRIELE  
CARTONI JACOPO 6
CERBONESCHI ALESSANDRO  
CERBONESCHI ANDREA  
CHAVES E SILVA PAULO CESAR  
CHECCUCCI DUCCIO 6,5
COLONNA ANGELO  
DE  PAOLA TOMMASO  
ESPOSITO DANIELE  
FANFANI MASSIMILIANO  
FANFANI TIZIANO  
FINO SIMONE 6
GIANI ANDREA  
GIGLI SIMONE  
GIUNTINI ANTONIO  
GIUNTINI GABRIELE 6,5
GUERRINI EMANUELE s.v.
GUERRINI MATTIA 6
MEGA ANTONIO 6,5
MEUCCI FRANCO 7
NARDONI PABLO  
NAVARRIA ANDREA 6
POLLINI PIETRO 6,5
PAPI FRANCESCO  
PASCALE STEFANO  
RAGIONIERI ENEA 6,5
SETTIMELLI SIMONE 6,5
SIMINOLI CARMINE  
THAON DE REVEL PAOLO 7
TRIBOLI LUIGI 7,5
VITIELLO FRANCESCO  
1996-1997 1997-1998 1998-1999 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008